Fascion Traditional Taste



uploaded_image

E' ancora tempo di zucche, tempo di cotture in forno, di incontri pomeridiani con le amiche davanti a fumanti tazze di t e ciuoccolato caldo..
Dei biscottini ci stanno a pennello, oppure anche una fetta di torta, soffice e fragrante ci si sposa molto bene ma io, come al solito non mi piego facilmente agli schemi dettati dall'abitudine ed un po' per riallacciarmi ai ricordi d'infanzia, un po' per concedere ad una bellissima zucca una degna apparizione in una golosa ricetta, ho fatto come sempre di testa mia dando vita a questa merenda non troppo dolce ma sicuramente gustosa e sfiziosa.
Partendo quindi da un'antica ricetta tradizionale con cui si preparavano una sorta di mezzelune di croccante pasta con un morbidissimo e goloso ripieno, dette dielettalmente ficazzedde, ho deciso di rivisitarne il ripieno prevedendo appunto la bella zucca, albicocche secche, pinoli ed amaretti..
Le foto, sapete gi che son prese col cellulare e che danno solo una minima idea di quanto ne venuto fuori ma vi assicuro che il risultato finale stato davvero goloso!


uploaded_image


Per la pasta occorrono:
1kg di farina
200 ml di olio extravergine d'oliva,
1 pizzico di sale
1 pizzico di zucchero
vino bianco secco q.b.


uploaded_image


Per il ripieno ho sbucciato una zucca da circa 800 gr e l'ho ben asciugata in forno, l'ho schiacciata con uno schiaccia patate ed una manciata di amaretti
ed aggiunto secondo il mio gusto personale (ad occhio, quindi whistle ) delle albicocche secche spezzettate e lasciate rinvenire in succo di un'arancia e liquore per dolci (non avevo rhum ed ho usato il maraschino fatto da me), ed infine una manciata di pinoli. mescolato bene il tutto e lasciato ad insaporire in una terrina mentre preparavo i dischetti di pasta stesa piuttosto sottilmente (occhio che molto elastica!!).
A questo punto ho riempito i dischetto con un mucchietto di ripieno al centro e richiuso a mezzaluna, fermando la chiusura con i rebbi di una forchetta.
Una volta pronte le mezzelune le ho infornate a 180 fino a doratura.
Ho atteso che si raffredassero per bene, badate che il ripieno se non aspettate un po', potrebbe ustionarvi come una colata lavica!!
A questo punto a voi la scelta di portarvi la merenda in ufficio o gustarvi le delizie per un t con le amiche..
Provatele e fatemi sapere, mi raccomando!

uploaded_image


Articolo tratto da: Sunnypam.. - http://sunnypam.altervista.org/
URL di riferimento: http://sunnypam.altervista.org/index.php?mod=read&id=1290426407